Corso per la formazione particolare e aggiuntiva dei Preposti

(Secondo l’Accordo tra il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano per la formazione dei lavoratori ai sensi dell’articolo 37, comma 2, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 del 21 dicembre 2011)

Programma del corso

(agli argomenti citati possono esserne aggiunti altri su richiesta del Cliente)

I contenuti della formazione, oltre a quelli già previsti ed elencati all’art 37, comma 7, del D.lgs. 81/08, comprendono, in relazione agli obblighi previsti all’art 19 per il preposto:

  1. Modulo giuridico – normativo (4 ore)
    • Principali soggetti del sistema di prevenzione aziendale: compiti, obblighi, responsabilità
    • Le relazioni fra i vari soggetti interni ed esterni del sistema di prevenzione
    • Modalità di esercizio della funzione di controllo dell’osservanza da parte dei lavoratori delle disposizioni di legge e aziendali in materia di salute e sicurezza sul lavoro e uso dei mezzi di protezione collettivi e individuali messi a loro disposizione
  2. Modulo tecnico (4 ore)
    • Definizione ed individuazione dei fattori di rischio
    • Incidenti ed infortuni mancati
    • Valutazione dei rischi dell’azienda con particolare riferimento al contesto in cui opera il preposto
    • Individuazione misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione
    • Tecniche di comunicazione e sensibilizzazione dei lavoratori, in particolare neoassunti, somministrati, stranieri

Aspetti metodologici e organizzativi

Obiettivi didattici:

L’attività formativa ha come obiettivo il trasferimento di competenze e conoscenze per la corretta acquisizione di nozioni ed informazioni mirate alla propria attività lavorativa. Al termine del modulo verrà effettuato un test di apprendimento.

Riferimenti normativi:

  • D.Lgs. 81/2008, art. 37 comma 7
  • Accordo stato- Stato Regioni del 21.12.2011

Requisiti richiesti per la frequenza:

Tale corso sarà rivolto a tutte le aziende che, a seguito della valutazione dei rischi, hanno all’interno della propria struttura dipendenti che per la tipologia e le modalità di lavoro si possono configurare come preposti. Si evidenzia che il nuovo testo unico per la sicurezza attribuisce un ruolo fondamentale a tali figure ma anche delle responsabilità e delle sanzioni (fino a 2000 euro e l’arresto fino a 2 mesi). Si ricorda inoltre che la figura di preposto non è data solo dall’organigramma ma è identificata in colui che tra i lavoratori, o per anzianità o per esperienza, può controllare e sovrintendere il lavoro di altri. Infatti la normativa specifica che il PREPOSTO può essere anche DI FATTO, riconoscendo con la giurisprudenza che un qualsiasi soggetto pur privo di formale investitura ma che «eserciti in concreto i poteri giuridici riferiti» è da considerarsi “preposto di fatto” e quindi soggetto a sanzione.

Per quanto riguarda le posizioni aziendali che in concreto possono ricoprire il ruolo in esame, perché investite formalmente o perché tali “di fatto”, un parziale e non esaustivo elenco può comprendere il capo-squadra, il capo-ufficio, il capo-sala, il capo magazzino, il capo-officina, il coordinatore di un gruppo di lavoro e, talvolta, persino il collega più esperto o più anziano. (Art.299).

Un lavoratore può partecipare al corso di formazione particolare e aggiuntiva per il Preposto se il Datore di Lavoro ha già assolto all’obbligo di Formazione Generale e Specifica secondo art. 37 commi 1 e 3 del D.Lgs. 81/08 s.m.i. In caso di partecipanti stranieri, il datore di Lavoro è responsabile per la verifica di una conoscenza adeguata della lingua italiana.

Durata del corso:

N° 8 ore di docenza suddivise in 2 moduli per tutte le aziende indipendentemente dal settore merceologico di appartenenza.

Aggiornamento:

Ogni 5 anni per la durata di sei ore (l’aggiornamento di un lavoratore per il corso da preposto assorbe l’obbligo di aggiornamento dello stesso lavoratore come tale).

La formazione particolare e aggiuntiva per i preposti costituisce credito formativo permanente salvo nei casi in cui si sia determinata una modifica del suo rapporto di preposizione nell’ambito della stessa o di altra azienda.

Il datore di lavoro è comunque tenuto a valutare la formazione pregressa ed eventualmente ad integrarla sulla base del proprio documento di valutazione dei rischi e in funzione della mansione che verrà ricoperta dal lavoratore assunto.

In ogni caso si ribadisce che i crediti formativi per la formazione specifica hanno validità fintanto che non intervengono cambiamenti così come stabilito dai commi 4 e 6 dell’articolo 37 del D.Lgs. n. 81/08.

Metodologia:

Il percorso formativo è caratterizzato da una metodologia didattica basata sulle vigenti indicazioni normative.

Registro:

E’ predisposto un Registro delle presenze per ogni lezione del corso sul quale ogni partecipante apporrà la propria firma.

Durata del corso:

Il corso ha una durata di 8 ore.

Assenze:

Le assenze per i corsi in aula non possono essere superiori al 10% del monte ore complessivo del corso, pena il mancato conseguimento dell’attestato.

Docenti:

Tutti i docenti del corso hanno una formazione e competenze pluriennali in relazione alle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro.

Verifiche e Valutazione:

Il corso si conclude con un test finale di verifica dell’apprendimento.

Attestato:

Al termine del corso sarà rilasciato un Attestato di partecipazione, previa verifica obbligatoria. In caso il partecipante non superi la verifica finale dovrà ripetere il corso e l’attestato non verrebbe rilasciato.

Caratteristiche organizzative:

Le attività si svolgeranno presso la sede concordata con il Cliente in fase di attivazione del corso.